Società Sportiva Velica AVELECAZZATE - Skipper Roberto Linguerri

Crociera in barca a vela nelle isole della Grecia Ionica

Le isole della Grecia in barca a vela

ISOLE IONICHE

Le Isole Ionie (anche Isole Ioniche) costituiscono un arcipelago greco nel Mar Ionio, coomprendente sei isole maggiori più alcuni isolotti. Le isole maggiori sono Cefalonia, Itaca, Zante, Corfù, Santa Maura (o Leucade), e Passo; con l'aggiunta di Cerigo le sei isole maggiori formavano il cosiddetto "Eptaneso" . Tra le minori vi sono Meganissi, Antipasso, Cerigotto e Elafonissos, e sono perfette da navigare in barca a vela!

Corfù

E’ l’isola ionica posta più a nord ed è nota per essere stata l'ultima tappa del viaggio di Ulisse verso Itaca. Corfù è un’isola verdissima, ricca di vegetazione mediterranea che cresce rigogliosa grazie ad un clima particolarmente mite. La città di Corfù o Kerkira porta il segno delle dominazioni veneziana ed inglese ed il risultato dell'incontro di diverse culture e gusti le dona un aspetto vivace e cosmopolita. Qui è possibile unire la vacanza a vela con il divertimento e la vita notturna.

Paxos e Anti Paxos

Due perle dello Ionio con acque cristalline giustamente famose con il nome di “piscine”. Caratteristico è Porto Gaios sull’isola di Paxos, vivace e colorato villaggio costruito lungo un canale realizzato naturalmente dalla vicinanza di due isole che assomiglia ad un profondo fiordo e per questo ricco di atmosfera.

Cefalonia

E' l’isola ionica più grande e ricca di quelle caratteristiche che rendono l‘arcipelago unico. Acque limpidissime, baie incantevoli, grotte misteriose e spiagge stupende, come Mirtos che è circondata da un anfiteatro di rocce calcaree, oppure Xi con la sua sabbia rossa. Poi ci sono i monasteri che meritano una visita anche solo per la posizione in cui sono stati costruiti, per esempio quello di Agrilion, eretto su una collina circondata da ulivi selvatici, da cui si gode una vista magnifica sulla baia e sulla vicinissima Itaca. E ancora i castelli veneziani come quello di Assos, in posizione spettacolare. Da non perdere la caverna di Melissani, lunga 160 metri, colmata da un lago profondo, con grandi stalattiti. Vi si adorava il dio Pan, si raggiunge solo in barca. Pittoresco e vivace è il bellissimo villaggio di Fiskardo.

Lefkas

Lefkas è separata dalla terra ferma da un canale di appena 30 metri, collegato da un ponte girevole che apre ad orari variabili, generalmente di giorno i primi cinque minuti di ogni ora. La città si raggiunge dopo una breve navigazione lungo il canale. E’ una cittadina particolare che porta il segno indelebile del terribile terremoto del 1953 con le sue case di legno e lamiera colorata. Si ormeggia nel vicino marina oppure al libero transito in pieno centro città. E’ in posizione strategica per imbarchi e sbarchi perché ottimamente collegata ad Igoumenitsa (porto di collegamento con l’Italia). Da vedere il salto di Saffo, dal nome dell'antica poetessa che trovò la morte precipitando dalle rocce a picco sul mare. Lefkas e la costa della terra ferma delimitano il cosiddetto mare interno dove navigheremo alla volta di Meganisi, Skorpios (l'isola di Onassis), Atoko, Kalamos e Kastos.

Zante

Terra natale di Ugo Foscolo, "Fior di Levante" per i veneziani, è famosa per il suo mare pulito e cristallino. Le spiagge hanno sabbia fina e dorata, l'acqua è calda ed ospitale. Qui infatti vengono a nidificare le tartarughe. Notissima è la spiaggia di Lagana, luogo di incontro e riproduzione delle Caretta caretta . Zante è famosa anche per le sue grotte, una per tutte la grotta azzurra nella quale il sole penetra e forma scenari mozzafiato di colore azzurro con tutte le sue sfumature sino al colore argento.

Itaca

Il mito che diventa realtà. E' la patria di Ulisse, l'eroe che solcò i mari per venti anni prima di farvi ritorno. E' un nome che evoca immediatamente il perenne conflitto tra l'indomabile volontà umana e il destino. E' il simbolo dell'avventura e della conoscenza. Ed è proprio questa l'isola descritta nel poema omerico, basta leggerne la descrizione precisa "C'è un porto, sacro a Forkis, il Vecchio del mare, nell'isola di Itaca; due punte s'avanzano sporgendo a picco, e la baia proteggono; fuori ne chiudono l'onde immani dei venti violenti; e dentro senza ormeggio rimangono le navi...". Come non riconoscere Vathì? Le spiagge di Itaca sono piccole e pietrose, ma l'acqua lambita da ulivi centenari e cipressi, è di una purezza cristallina, perfetta per fare tanti lunghi bagni. Buoni ormeggi sono Frikes e Kioni, pittoreschi villaggi con molte taverne sul mare.

Vuoi saperne di più?

Altre informazioni da Wikipedia: La barca a vela | Isole Greche